Salve, mi chiamo Guenter Rottenfusser e ho maturato anni di esperienza presso Boston Consulting Group (BCG). Qui sono cresciuto professionalmente da consulente a manager dell’impatto sociale globale. Pur avendo una formazione iniziale in matematica teorica, ho deciso che, dopo aver acquisito una solida base analitica, era giunto il momento di passare a un ruolo in cui potessi dare un contributo maggiore. 

Dopo tutto, nel corso degli anni abbiamo assistito a un cambiamento nella responsabilità sociale delle imprese. Questo perché la misurazione dell’impatto indica che non è più sufficiente donare somme di denaro per affermare che la propria azienda ha avuto un impatto significativo.

Ma cos’è esattamente la misurazione dell’impatto imprenditoriale e perché è importante? In questo articolo risponderò a queste e altre domande.

Che cos’è la misurazione dell’impatto?

La misurazione dell’impatto è il modo in cui determiniamo in che misura le nostre azioni hanno un effetto. In termini di imprenditorialità, può essere piuttosto complessa e difficile da misurare perfettamente. Tuttavia, esiste un quadro generale che può essere applicato:

1. Input – Si tratta di valutare di cosa si sta cercando di misurare l’impatto e quali risorse si hanno a disposizione per dare l’impressione che si vuole ottenere.

2. Output – Qui si descrive ciò che è accaduto. È stato raggiunto o creato qualcosa? Quali attività ne sono scaturite? Spesso l’output è una caratteristica che si può contare. Ad esempio, quante persone sono state servite o quanti prodotti sono stati consegnati?

3. Impatto – È l’effetto che un programma produce. Purtroppo, non sempre riceve l’attenzione che merita perché è difficile da misurare.

4. Valore dell’impatto – Quando parlo di valore dell’impatto, mi riferisco a quanta influenza ha avuto l’impatto. È ciò a cui arriviamo alla fine della giornata e diciamo che il nostro impatto è stato efficace ed efficiente. Ci permette di capire cosa potremmo fare meglio con le stesse risorse in input. Ad esempio, abitudini di spesa più sagge, una valutazione più approfondita dell’analisi costi-benefici per implementare il nostro programma e così via.

Per concettualizzare meglio questo quadro, immaginiamo un villaggio remoto afflitto dalla carestia. In particolare, i bambini di questo villaggio sono particolarmente colpiti dalla mancanza di cibo. La vostra organizzazione si propone quindi di migliorare la loro situazione fornendo cibo alle migliaia di bambini che vivono qui. In questo scenario, il cibo è l’input. Il risultato, o output, è un miglioramento della salute e della longevità di un certo numero di bambini per il tempo a venire, prevenendo la malnutrizione e la fame.

In questo caso, è possibile che la vostra organizzazione abbia creato un cambiamento sociale significativo, che i vostri sforzi siano stati in grado di portare il vostro gruppo target (i bambini) a una qualità di vita superiore a quella che avrebbero avuto senza i vostri sforzi.

Determinare il valore di questa influenza è ovviamente difficile, perché sono tante le variabili quotidiane e annuali che incidono sul benessere dei bambini in questione. In ogni caso, potete essere certi di aver contribuito a questa comunità.

Le sfide che circondano l’Impact Factor

Per esperienza personale, posso dire che quando si approfondisce il fattore di impatto di un’organizzazione si presentano alcune sfide. Le maggiori complicazioni che ho riscontrato sono:

Misurare i progressi

Per comprendere il loro impatto, le organizzazioni e le aziende utilizzano diverse metriche. Persino un’organizzazione grande come le Nazioni Unite le utilizza. Prendiamo ad esempio gli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG). Questi affrontano una moltitudine di problemi sociali e ambientali, come il miglioramento del numero di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà. A tal fine, la metrica potrebbe essere la valutazione del numero di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà dopo l’input.

Il problema è che questa metrica riporta dei numeri, ma non dà un’idea di quanto e come le cose siano effettivamente migliorate. Ovviamente, sono necessarie metriche più raffinate per descrivere ciò che sta accadendo, ma poi dobbiamo considerare la fattibilità di tali metriche.

Scalabilità e riproducibilità

È importante sapere che il vostro investimento non è stato effimero e che può avere un impatto duraturo. Ma come? Sapere come e che si può scalare il proprio impegno per estenderlo oltre i confini originari è un ottimo primo passo. In alternativa, volete sapere che ciò che la vostra organizzazione ha fatto, può essere rifatto – forse in un’altra area, forse nello stesso luogo, ma dovrebbe essere riproducibile.

Anche se si tratta di un argomento delicato, è importante avere conversazioni ponderate sulla portata e sulla replicabilità dell’impatto di un’organizzazione.

Disponibilità dei dati

A volte sappiamo cosa vogliamo migliorare, ma è difficile quantificare l’effetto reale dei nostri sforzi. Questo perché non sempre è possibile acquisire tali informazioni. Ad esempio, nelle aree remote è improbabile che si possa effettuare un’indagine telematica per capire il vero significato delle nostre azioni. In altri casi, può essere troppo difficile utilizzare l’insieme ideale di metriche e dobbiamo accontentarci di quelle che ci danno una visione grossolana del nostro impatto.

Sensibilità al tempo

Un’iniziativa presa oggi non sempre si realizza immediatamente. Prendiamo ad esempio l’istruzione. Gli effetti di un programma educativo potrebbero manifestarsi solo tra 10 anni. Anche allora, come si fa a misurare l’impatto?

Pur basandosi sull’esperienza, sulla conoscenza e sulla scienza, il tentativo di tracciare il progresso dell’impatto è così complesso che non possiamo dire di essere stati noi a realizzare il cambiamento nella sua interezza. Tuttavia, possiamo dire di aver partecipato ai progressi osservati.

Impact Factor e Social Business

In genere, gli imprenditori sociali iniziano con qualcosa che capiscono e conoscono bene. In questo modo, si sa qual è il proprio effetto e le complessità menzionate prima sono meno evidenti. Si sa con certezza quali sono i propri attributi, quali sono i bisogni e si può vedere se vengono soddisfatti o meno.

Ad esempio, se un’organizzazione vuole ottenere il massimo impatto e beneficio per sé, è ottimale che si concentri su un’azione vicina al suo core business. Da lì, può pensare a come migliorare questo aspetto e a come diramarlo dall’infrastruttura già esistente.

Prendiamo ad esempio l’organizzazione Because International. Questa organizzazione senza scopo di lucro collabora con produttori locali per produrre scarpe a basso costo che non solo prevengono le infezioni da malattie e parassiti trasmessi dal suolo per i bambini bisognosi, ma si allargano anche per crescere con il bambino. Per i produttori coinvolti, questo aumenta la reputazione del loro marchio e il loro mercato, oltre a servire una causa sociale. Inoltre, si tratta di qualcosa che sanno già fare e che possono facilmente estendere ai loro servizi principali.

Anche in BCG, la maggior parte dei nostri investimenti non è basata sul denaro, ma è ciò che sappiamo fare meglio. Ovvero, la consulenza strategica alle organizzazioni su come essere più efficaci. Il risultato è la creazione di organizzazioni con un impatto maggiore. Così facendo, siamo in grado di estendere il nostro impatto ben oltre quello che avremmo potuto avere se avessimo semplicemente donato una somma di denaro.

Cosa non funziona nel social business

Come ho appena detto, la BCG è in grado di ottenere un impatto maggiore facendo ciò in cui eccelle come azienda. Spesso, per ottenere una misurazione dell’impatto che vada oltre il minimo indispensabile per la propria azienda, è meglio evitare semplici donazioni, sponsorizzazioni e investimenti casuali qua e là.

Questi metodi sono arcaici e non permettono di scalare gli sforzi né di utilizzarli sempre nel modo più saggio.

Un altro metodo che non funziona bene per massimizzare l’impatto sociale è l’iperfocalizzazione su un angolo ristretto della value chain. Alcuni imprenditori adottano una prospettiva ristretta nella speranza di ottenere una misurabilità ottimale. Tuttavia, questo metodo è spesso molto meno soddisfacente per coloro che cercano di fare del bene, poiché in genere si è in grado di servire solo un gruppo di nicchia della società.

Teoria del cambiamento

Un’altra cosa che voglio spiegare, fondamentale per l’evoluzione del vostro impatto sociale, è la Teoria del cambiamento. Questa spiega perché ciò che stiamo facendo avrà determinati impatti. Modella il risultato desiderato e collega tutti i pezzi coinvolti che portano al cambiamento desiderato. Come metodologia, la Teoria del cambiamento guida il cambiamento sociale attraverso le fasi di pianificazione, partecipazione, valutazione e gestione di un’organizzazione.

Problemi e soluzioni nella misurazione dell’impatto

Tenete presente che è difficile capire il vostro contributo all’impatto. Anche se possiamo approfondire la comprensione di ciò che stiamo facendo attraverso la Teoria del cambiamento e sapere cosa contribuisce alla misurazione del nostro impatto, il cambiamento è comunque complesso.

A seconda del problema, il significato delle vostre azioni varierà. Ciò è dovuto alle interdipendenze del processo. Ad esempio, se si investe nell’istruzione, molto probabilmente si avrà un impatto positivo anche sulla salute.

La complessità delle interdipendenze non si limita solo al problema in questione. Dipende anche dalla soluzione scelta per risolvere il problema. Un caso che mi piace sottolineare è quello della lotta alla malaria. Questa malattia colpisce milioni di persone ogni anno. Quando si cerca una soluzione, ci sono due scuole di pensiero principali, ma ognuna ha impatti e risultati diversi.

Il primo metodo consiste nell’utilizzare zanzare geneticamente modificate per ridurre la prevalenza dei vettori della malaria rendendo sterile la prossima generazione di zanzare. In altre parole, la specie vettore si estingue. Tuttavia, alcuni studi dimostrano che la modifica genetica può contribuire a diminuire la prevalenza della malaria, ma può portare a un aumento della febbre gialla.

Un altro approccio è quello di sviluppare un vaccino. In questo caso, si è in grado di fornire una resistenza immediata alla malaria senza intaccare l’ecosistema e massimizzando l’effetto.

Quando si analizza un impatto, è necessario essere esperti di come affrontare il problema e di come la soluzione influisce sul problema e sull’intera value chain.

Un buon piano d’impatto aziendale parte dall’inizio

Ora che avete visto come i diversi problemi e le diverse soluzioni influenzano la catena del cambiamento che vogliamo ottenere, è il momento di affrontare il modo in cui organizziamo il nostro impatto.

Consiglio vivamente di includere un piano di impatto commerciale per l’intera azienda fin dall’inizio. Dovrebbe includere il livello di scala che vogliamo raggiungere in un certo numero di anni. Inoltre, dovrebbe considerare gli effetti di primo ordine, spiegando qual è il piano, l’impatto sulle persone e le sfide da affrontare.

Non è sufficiente dire che ci si concentrerà su qualcosa perché aggiunge valore alla società in un modo o nell’altro, per poi scalarlo. Certo, questo può funzionare, ma senza un piano adeguato, funziona solo fino a quando non si raggiunge una certa dimensione e si perde il controllo.

Quando si definiscono i dettagli del piano d’impatto, non è necessario disporre di dati perfetti per risolvere tutti i problemi. Ma è necessario fare stime e ipotesi intelligenti per assicurarsi che nei calcoli venga utilizzata energia realistica e sufficiente a produrre qualcosa di significativo.

La maggior parte degli imprenditori ha il cuore nel posto giusto e, se pensassero alla teoria del cambiamento e al fattore di impatto fin dall’inizio, potrebbero avere un grande impatto.

Chi sono gli stakeholder coinvolti nella misurazione dell’impatto?

Quando si cerca di ottenere un cambiamento sociale positivo, non siete gli unici a preoccuparvi di ciò che state facendo. Anche i vostri interlocutori sono interessati al vostro impatto.

  • I consumatori – cambieranno il loro comportamento in base a ciò che state facendo. Quindi un cattivo impatto si traduce in una cattiva base di clienti.
  • Dipendenti – vogliono lavorare per un’organizzazione che fa del bene, ha uno scopo e ha un’influenza positiva sulla società.
  • Regolatori pubblici e politici – generare più leggi e regolamenti sulla neutralità climatica, sulla sostenibilità della catena di approvvigionamento e sul rispetto dei diritti umani.

    Ad esempio, in India e in Sudafrica è obbligatorio per le aziende di una certa dimensione destinare una percentuale fissa dei profitti a progetti di utilità sociale.
  • Gli investitori – vogliono investire in aziende che abbracciano idee ambientali, sociali e di governance (ESG) e verdi, non in qualcuno che se ne frega.

Una riflessione finale

Esistono prove concrete, anche se dipendenti dal settore, che quando avete un forte impatto sociale e ambientale, siete più redditizi della media dei vostri colleghi. Non solo, ma avrete una valutazione più alta da parte degli investitori e quindi un multiplo più alto se vorrete vendere. Nel caso in cui non vogliate vendere, il vostro impatto economico diretto e la vostra immagine ne trarranno comunque beneficio.

È importante trovare un equilibrio tra quanto sia impegnativo costruire il vostro piano d’impatto e come procedere. Tuttavia, non mi preoccuperei troppo, purché si tratti di argomenti che vi appassionano e di cui siete esperti e che possono essere incorporati in ciò che state già facendo in un modo o nell’altro come organizzazione.

About the author
Guenter Rottenfusser

Ho lavorato con il Boston Consulting Group come responsabile globale dell'impatto sociale e spesso sono stato consulente e membro della giuria in concorsi sull'impatto sociale.

Sign up to our Newsletter