Indice dei contenuti

E per start-up social non intendiamo un luogo di lavoro che vi aiuti a fare amicizia! Una start-up social è un’organizzazione fondata per fare la differenza o risolvere un particolare problema sociale.

Il team di EWOR ha avuto il piacere di parlare con Clarissa Heidenreich, studentessa di economia e diritto all’Università di Mannheim, sul perché il suo futuro è nelle start-up a impatto sociale. Clarissa è stata borsista EWOR nel 2020 e attualmente sta lavorando alla sua start-up a impatto sociale, dopo averne creata una durante gli studi.

Continuate a leggere per scoprire le sue intuizioni ispiratrici!

Qual è la differenza tra una start-up tradizionale e una start-up social?

Clarissa ha esordito riconoscendo che le aziende a scopo di lucro sono sempre più consapevoli della loro responsabilità e di come i loro prodotti e servizi influiscono sugli altri stakeholder, il che è un passo nella giusta direzione. Tuttavia, ha subito spiegato che questo ambiente è ancora molto diverso da quello di una start-up social.

“Per una start-up social, la domanda è ‘Come possiamo renderla ancora più impattante?’, mentre per un’impresa tradizionale è ‘Come possiamo renderla più attraente per gli investitori?”, ha riassunto. In una start-up social, l’impatto viene prima di ogni altra cosa.

Oltre a trovare un problema o una questione sociale da risolvere, le start-up sociali mirano anche a educare le persone e a sensibilizzarle sulla causa che stanno cercando di aiutare. È davvero importante che le persone sappiano perché è importante risolvere il problema in questione, ha spiegato Clarissa.

L’importanza dell’imprenditorialità in una start-up social

“La seconda priorità di una start-up social è vedere come i numeri e i modelli finanziari possano sostenere l’impatto in scala”, ha continuato Clarissa. Poiché i profitti non sono la priorità, gli investitori e gli enti di finanziamento sono spesso scoraggiati dalle start-up a impatto sociale.

È qui che gli strumenti dell’imprenditorialità si rivelano utili, poiché possono essere utilizzati per creare valore per il maggior numero di persone. Pur non valutando il profitto come misura del successo, le start-up sociali devono comunque operare come un’azienda e generare profitti per poter scalare il loro impatto.

Per questo, secondo Clarissa, le start-up sociali sono una sorta di via di mezzo tra le imprese tradizionali e le organizzazioni no profit, che reinvestono ogni singolo centesimo nella causa. “Se si vuole avere un’attività realmente scalabile, a un certo punto si deve tener conto dei salari e del pagamento delle persone: questo è ciò che un modello di business sostenibile dovrebbe essere in grado di fare”, ha riassunto Clarissa.

Abbiamo chiesto a Clarissa perché ha scelto la strada dell’imprenditoria come carriera e perché la applica all’impatto sociale. “Abbiamo un’ampia varietà di iniziative all’università, si può fare praticamente tutto quello che si vuole”, ci ha spiegato. Una di queste iniziative aiuta gli studenti a fondare start-up sociali che affrontano i problemi più gravi del mondo.

All’inizio ho pensato: “Come possono gli studenti che incontro e con i quali parlo costruire qualcosa che faccia la differenza, oltre ai loro studi?”, ha detto ridendo. Ha parlato con i responsabili dei progetti ed è stata ispirata da loro e dalle iniziative che stavano sostenendo. “È incredibile dedicare il proprio tempo a qualcosa che fa la differenza nella vita delle persone. Non solo creare qualcosa che significa dover cliccare un pulsante in meno per ottenere qualcosa, ma anche avere un vero impatto positivo”.

Clarissa ha spiegato di avere due lati: uno che ama la struttura, la strategia e la pianificazione, e uno più creativo. “Questi aspetti si combinano perfettamente nell’imprenditorialità. L’imprenditorialità è il modo in cui si può tradurre in realtà qualcosa che esce dalla propria testa in modo strutturato”, ha spiegato.

“Per me l’imprenditorialità è un modo per consentire alla società di progredire”, ha continuato Clarissa. È giunta alla conclusione che può creare molto valore dedicando il suo tempo e le sue capacità a una causa in cui crede.

Le sfide di un’organizzazione a impatto sociale

Oltre alla difficoltà di ottenere finanziamenti e investimenti, Clarissa ha spiegato che le start-up sociali possono essere difficili da gestire, poiché molte di esse si basano principalmente sul volontariato e sul lavoro pro bono. Ciò significa che la forza lavoro è spesso molto fluttuante, poiché le persone possono passare agli studi o a un’opportunità retribuita.

“Il problema è che le start-up sociali non sono così attraenti come una grande azienda con un curriculum”, ha commentato l’autrice. “Come società, dobbiamo passare dal profitto come parametro di valutazione e successo a un parametro più diversificato”. Dobbiamo riconoscere che i progressi compiuti dalle start-up sociali sono un tipo di successo diverso da quello di fare un sacco di soldi, ma allo stesso livello. Quando questo accadrà, le organizzazioni a impatto sociale diventeranno un’opportunità più interessante per i migliori studenti laureati, ha spiegato Clarissa.

Ma si è affrettata a sottolineare che il lato positivo dell’avere un impatto sociale positivo è che spesso è più facile ottenere consigli o consulenze gratuite da studi legali e mentori aziendali. Le aziende sono di solito più desiderose di aiutare una start-up social che un’azienda che punta a realizzare profitti molto elevati.

Un altro problema ricorrente nelle start-up sociali è la misurazione dell’impatto. “Non esiste uno standard per il monitoraggio dell’impatto e ci sono molte cose che influenzano il risultato”, ha spiegato Clarissa. “Ad oggi, è un problema enorme per le organizzazioni sociali e le start-up”.

Il problema principale è che la teoria della misurazione dell’impatto sociale spesso si discosta dalla pratica. In effetti, lo sviluppo di metriche chiave interne come il numero di prodotti distribuiti, l’ammontare della raccolta fondi o il numero di persone contattate non è necessariamente correlato a un certo livello di impatto ottenuto.

Inoltre, è spesso difficile tracciare le metriche necessarie per valutare l’impatto sociale di un’organizzazione. Ad esempio, misurare i livelli di malnutrizione in alcune comunità remote pone molte sfide logistiche.

Perché unirsi a una start-up social

Tradizionalmente, le organizzazioni a impatto sociale non rappresentano le opportunità più redditizie. Le persone non entrano in queste aziende per i soldi.

Abbiamo chiesto a Clarissa perché pensava che entrare in una start-up social fosse un percorso di carriera utile. Ha iniziato riconoscendo che, pur essendo libera di intraprendere una carriera di questo tipo, non tutti possono permetterselo. “Potrei trovare un lavoro da studente, ma ho il privilegio di non doverlo necessariamente fare. Sono davvero grata di poter studiare e perseguire le mie idee”, ha spiegato. In quest’ottica, per me è anche una questione di rispetto e di responsabilità usare le risorse che mi vengono date per fare la mia parte nella creazione di una società più giusta, in cui più persone siano in grado di vivere liberamente e di raggiungere il potenziale che è dentro di loro”.

Ha poi spiegato il valore di ottenere un feedback da persona a persona. Vedere l’impatto del proprio lavoro concretamente, ogni giorno, “vale molto più del denaro”, ha affermato raggiante. Lavorare con persone ispirate e con la stessa mentalità, che vogliono creare qualcosa di più grande di loro, è un altro vantaggio di entrare a far parte di un’organizzazione a impatto sociale. 

Want to start and grow your own business? We have the perfect solution for you. We built a platform with over 17 courses designed by serial entrepreneurs to help you build a sustainable business. You will get access to hundreds of resources, tools, legal templates, and much more. Save time and money and become more successful by subscribing to our EWOR Platform. What are you waiting for?

Sign-up now!

Cos’è EWOR

EWOR è una scuola ideata dai migliori professori, imprenditori e leader del settore d’Europa.
Insegniamo e guidiamo giovani innovatori ad avviare business di successo.

Scopri di più

Indice dei contenuti

I nostri programmi

Fellowship

Un esclusivo programma di dieci mesi completamente sponsorizzato, progettato per aiutarti a lanciare un' azienda di impatto. Impara a costruire un' azienda.

Per saperne di più

Academy

Un programma online di 8 settimane che ti insegna come costruire un' azienda con un impatto a lungo termine sull' ambiente e la società.

Per saperne di più

Platform

Impara a ideare, a costruire un prototipo, a testare, e lanciare un' azienda di impatto con oltre 17 corsi per aiutarti a iniziare.

Per saperne di più

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere futuri contentuti ed iscriviti alla nostra newsletter!

Seguici

About EWOR

EWOR is a school conceived by Europe’s top professors, entrepreneurs, and industry leaders. We educate and mentor young innovators to launch successful businesses.

Learn More

Our Programs

Fellowship

An exclusive 10-month, fully-sponsored, program designed for aspiring entrepreneurs who want to make the world a better place.

Learn More

Academy

An exclusive 10-month, fully-sponsored, program designed for aspiring entrepreneurs who want to make the world a better place.

Learn More

Platform

Learn how to conceive, prototype, test, and launch an impactful venture with over 17 courses to help you start off.

Learn More

Newsletter

Don’t miss out on future content and subscribe to our newsletter!

Recommended

Questi 3 errori durante la scoperta del cliente possono rovinare la tua startup

Dirigere una comunità imprenditoriale con un sacco di giovani imprenditori, che vanno dalle startup early-stage...

I vantaggi di fare assunzioni diversificate

Se sei all’inizio del tuo percorso imprenditoriale, potresti chiederti come assicurarti di assumere personale valido...

Dentro la mente di un giovane imprenditore

Il team di EWOR ha avuto il piacere di intervistare Alexander Valtingojer, per parlare del...

Dalla fondazione all’assistenza alle imprese

Sei un imprenditore curioso di fare da coach ai fondatori? Sei fortunato. Mi chiamo Sven...

Come creare e far crescere un’organizzazione non profit

Sei interessato a scoprire cosa serve per avviare e scalare un’organizzazione non profit? Abbiamo avuto...

Come trasformare un’idea brillante in un’impresa

Se hai una grande idea, ma non sei sicuro di come trasformarla in un’impresa a...

Follow Us

Want to start and grow your own business?

Learn how to conceive, prototype, test, and launch an impactful venture with over 17 courses.

Get access to over 300 resources including pitch-decks, investor term sheets, and contracts.

Rate this article

daniel

Daniel Dippold

Michael