Indice dei contenuti

Se siete studenti di architettura o professionisti che vogliono avviare un’attività in proprio, lasciate che vi dica che avete già molte competenze che si applicano alla creazione di una start-up.

Mi chiamo Hans Sebastian von Bernuth, fondatore e architetto. Sono qui per raccontarvi come il mio background professionale mi ha aiutato e continua a permettermi di costruire la mia impresa.

Dall’architettura al business

Le giornate di studio

Prima di tutto, un po’ di me. Sono cresciuto ad Aquisgrana, in Germania, e ho trascorso un anno di scuola superiore negli Stati Uniti. Poi ho iniziato gli studi a Monaco. Inizialmente ho iniziato con la medicina, ma poi ho cambiato i miei studi in architettura; non riuscivo a immaginare di passare la mia vita in un laboratorio (la biologia e la biochimica erano il mio interesse principale).

Dopo il mio pre-diploma in architettura, mi sono chiesto dove fosse meglio continuare la mia formazione. Volevo un posto che combinasse un’ottima università con la vicinanza alle montagne (per seguire la mia passione per lo sci e l’alpinismo) e che offrisse una lingua di insegnamento che non parlavo già. All’epoca, ciò significava qualsiasi cosa di alto livello che non fosse insegnata in tedesco o in inglese. Non sono molti i luoghi che soddisfano tutte e tre le condizioni, ma Losanna, in Svizzera, fa al caso mio. È qui che ho terminato i miei studi, ho portato le mie capacità sciistiche a un altro livello e ho imparato il francese.

Come se non avessi già abbastanza da fare, ho anche studiato Business Administration attraverso un corso di apprendimento a distanza presso la FernUniversität Hagen. Si tratta di un’istituzione tedesca molto particolare che ha promosso lo studio a distanza molto prima che il lavoro da casa e le videochiamate diventassero di uso comune.

Inizio carriera

Dopo il diploma a Losanna, ero desideroso di scoprire qualcosa di nuovo. Senza troppe esitazioni, mi sono trasferito in uno dei luoghi più lontani ed estremi che potessi immaginare: Shanghai. Dopo due anni intensi su un altro pianeta, sono tornato in Svizzera. Lì ho lavorato per Herzog & de Meuron a Basilea. Per me era ed è ancora uno dei migliori, se non il migliore, studio di architettura. Dopo aver lavorato lì per tre anni, mi sono reso conto che non avevo grandi ambizioni di scalare una gerarchia prestabilita. Volevo prendere le mie decisioni e definire il mio stile. Ma come? Dove si va una volta che si è giocato per il Real Madrid?

Tutto il mio alpinismo e l’esplorazione del mondo risuonavano con il mio desiderio di essere il capo di me stesso, di fare la mia strada, i miei errori e di conquistare i miei obiettivi e le mie conquiste senza la protezione di una struttura predefinita. 

Per me, allora, l’indipendenza era l’unica scelta ovvia, anche se difficile. Da allora, è questo che ho fatto. Per un paio d’anni ho insegnato all’Università RWTH di Aquisgrana, il che mi ha dato la stabilità necessaria per costruire un ufficio a Colonia con due ex colleghi di Herzog & de Meuron. 

Ricominciare da capo


Come si dice: “Se vuoi far ridere Dio, fai un piano”. Prevedibilmente, le cose sono andate molto diversamente e quando ho dovuto prendere una decisione, ho scelto di nuovo di seguire la strada inesplorata e di esplorare nuovi orizzonti. 

Mi sono trasferito in Cile per stare con la mia ragazza. Da quella decisione ho dovuto ricominciare da zero. Ho dovuto imparare come funzionava Santiago e come affermarmi come architetto in un Paese straniero. Ho scoperto che il mercato è molto più aperto e dinamico, con molto spazio per le nuove idee rispetto alla Germania. Naturalmente, le possenti Ande e la bellezza del Paese hanno aumentato il mio fascino. 

Al momento il mio impegno principale sono le case modulari per il mercato cileno. Potete vederle qui: www.laquilla.cl

Informazioni sul processo architettonico

Cosa possiamo imparare dall’architettura per costruire un’azienda? Molto, a quanto pare. Il processo creativo della progettazione è molto simile alla creazione di un’azienda da zero.

Nella maggior parte degli altri campi, si parte da molte informazioni. Ad esempio, molti dati provenienti da un sondaggio o da un esperimento. Queste informazioni devono essere distillate e analizzate. È un processo lineare con molte fasi iterative. Pensate a un imbuto in cui si versa molto in cima e i risultati vengono restituiti condensati alla base della piramide rovesciata.

Anche il processo architettonico inizia con molte informazioni, ma manca di una direzione chiara o di un metodo univoco. Sono così tanti i fattori e le variabili che influenzano la traiettoria e lo sviluppo di un progetto che la direzione che prenderà può essere molto poco chiara. 

Un mondo di risultati

Poiché non esiste una distinzione netta tra giusto e sbagliato, in architettura sono possibili molti risultati. Il modo in cui li si giudica dipende da criteri spesso contraddittori. Pertanto, gran parte del processo è intuitivo e soggettivo.

Vi faccio un esempio. Per un sito specifico, potreste testare tutto quello che c’è da testare tra un grattacielo e un edificio basso. Entrambi gli estremi possono essere ottime opzioni. Nessuno e niente può decidere oggettivamente quale sia la migliore, soprattutto nelle prime fasi di un progetto. La direzione da prendere è spesso una questione di fortuna e l’ispirazione può venire da fonti apparentemente irrilevanti.

Una quantità infinita di parametri e criteri rende impossibile definire un percorso chiaro attraverso tutte le possibilità e le interconnessioni. L’unico modo per procedere è quello di sperimentare e fallire. 

Guardando indietro, il processo e il percorso intrapreso hanno per lo più una logica e una coerenza solide. Nel mezzo, però, è presente la stessa eccitazione dell’esploratore curioso. Si sa poco della destinazione, a parte l’intenzione di arrivarci. Bisogna inventare soluzioni e sintetizzare parametri diversi e spesso incompatibili. 

Andare e tornare

In opposizione al processo lineare della maggior parte degli altri campi, il movimento in architettura può essere meglio descritto come serpeggiante o come un andare e venire. All’interno di tutte le informazioni, ci si concentra su un determinato aspetto e ci si gira intorno. Si verificano le connessioni e si scoprono le implicazioni. Mentre ci si muove intorno a questo particolare argomento, nuove informazioni si materializzano e portano in una nuova direzione mentre si gira intorno all’aspetto successivo. 

Potreste ritrovarvi a tornare su punti già trattati. Ad esempio, dopo aver lavorato per giorni cercando di inserire le piante in una forma di edificio decisa settimane prima, si scopre che non funziona. Si scopre invece che un’altra forma, precedentemente scartata, funziona molto meglio.

Questo può essere un momento frustrante, dopo aver speso tanto tempo ed energia solo per tornare al punto di partenza. Ma non preoccupatevi, si scopre sempre di aver imparato molto durante il processo e il prossimo tentativo sarà più veloce e più consapevole. 

La mia impresa ne è un buon esempio. Ci è voluto un anno intero per progettare il modello della nostra prima casa. Ci sono stati molti tentativi, fallimenti e ripartenze da zero. Tuttavia, per progettare la seconda casa ci sono voluti solo sei mesi e per la terza solo due. 

Ogni progetto successivo ha accumulato l’intelligenza del precedente. Sempre grazie a EWOR, sto esplorando nuove direzioni, entrando in contatto con persone di diversi settori e testando molte opzioni su come scalare l’attività. Senza dubbio, alcune di queste nuove strade saranno dei vicoli ciechi. Tuttavia, muovendoci, provando e testando sempre, insieme scopriremo cose entusiasmanti. E così nascerà qualcosa di nuovo e potente. 

Lezioni di business 

Focus

Se vi siete persi tra tutte le informazioni, rilassatevi e fate una pausa. Poi concentratevi su una piccola parte del puzzle che avete davanti. Ad esempio, quando i miei studenti ad Aquisgrana non sapevano cosa fare nel loro progetto, consigliavo loro di lavorare su un piccolo dettaglio, come una porta o una finestra, e di proseguire da lì. 

Se gli studenti si sono spinti avanti, si sono imbattuti in informazioni interessanti che potevano dare al loro progetto una direzione completamente nuova. Inoltre, aggiungevano profondità e qualità a ciò che già conoscevano. Durante la ricerca sulle finestre, si sono addentrati nella tana del coniglio delle informazioni, come ad esempio l’uso di un particolare tipo di legno in qualche oscuro edificio del XVIII secolo. Questo avrebbe improvvisamente dato loro un’idea di come cambiare l’intera struttura del loro progetto.

Commettere errori

L’unico vero errore è non fare abbastanza errori. Se tutto va liscio, probabilmente non vi state impegnando abbastanza. Come nello sci, se non cadi non stai imparando. Non siate troppo prudenti, non cercate la perfezione. Il perfezionismo è un’insicurezza, soprattutto nelle fasi iniziali, quando le cose tendono a essere disordinate e confuse. 

Come maestro di sci, l’ho visto molte volte: un allievo spaventato che non cadeva mai e quindi non aveva la possibilità di imparare. Bisogna correre dei rischi e testare i limiti. Altrimenti, non sarete in grado di passare al livello successivo. Provate le cose, rompetele, ricominciate da capo e costruitele di nuovo. Farà male, a volte sarà frustrante e proverete molte emozioni. Tuttavia, imparerete sempre qualcosa e crescerete nel processo.

Capire veramente le cose

Tutti possono disegnare un diagramma confuso e redigere una presentazione in PowerPoint di 100 slides. Solo se vi impegnate a fondo per comprendere tutti gli aspetti di una determinata questione, sarete in grado di formularla in modo conciso. Questo aiuta voi e, naturalmente, gli altri.

Da Herzog & de Meuron ricordo di aver trascorso un’intera settimana su un singolo diagramma. Dopo molte ricerche e innumerevoli iterazioni, quella pagina era appesa al muro. Era ridicolmente facile da capire, qualsiasi bambino avrebbe potuto disegnarlo. In quel momento sapevo di aver capito veramente e potevo passare con fiducia al problema successivo. 

Essere resilienti e amare ciò che si fa

Non è un’attività adatta ai deboli di cuore. Se volete una vita semplice e accogliente, non cercate di avviare un’attività in proprio. Ci vuole molta grinta per sopportare i continui e inevitabili fallimenti. Bisogna essere orgogliosi di cadere e rialzarsi. Non si può migliorare se non ci si schianta di tanto in tanto. È molto utile se si ama ciò che si fa e se si è affascinati dai clienti per cui si lavora. Questo vi darà l’energia per diventare qualcuno che sfida le probabilità e crea qualcosa dal nulla.

Trovare le persone giuste

Il team è tutto, nessuno può farcela da solo. Qualunque impresa entusiasmante è un lavoro di squadra. Nel difficile cammino dell’imprenditoria, è necessario costruire reti e circondarsi delle persone migliori che si possono trovare. 

In realtà, potreste seguire la legge di Mark Manson del “Fanculo, sì” (Fuck, yes) oppure “no”, secondo la quale quando volete entrare in relazione con qualcuno, questo deve ispirarvi a dire “Fancluo, sì” perché possiate procedere con lui. Come trovare queste persone? Vedi quanto detto sopra, cercate ovunque, siate aperti di mente e non abbiate paura. Inoltre, sì, l’EWOR è un ottimo inizio. Per me, entrare nell’Accademia è stato sicuramente un momento “Fancluo, si”.

Conclusione

Come si può notare, non sempre è necessario un background economico per crescere e prosperare nel settore. Infatti, campi diversi, come l’architettura, possono apportare molte competenze utili e nuove prospettive. Allora, siete pronti a iniziare la vostra prima attività?

Non esitate a contattarmi se avete domande o commenti. Sono sempre aperto a una buona conversazione e felice di aiutarvi a navigare in un mare agitato.

Sebastian von Bernuth

hs@vonbernuth.cl

Want to start and grow your own business? We have the perfect solution for you. We built a platform with over 17 courses designed by serial entrepreneurs to help you build a sustainable business. You will get access to hundreds of resources, tools, legal templates, and much more. Save time and money and become more successful by subscribing to our EWOR Platform. What are you waiting for?

Sign-up now!

Cos’è EWOR

EWOR è una scuola ideata dai migliori professori, imprenditori e leader del settore d’Europa.
Insegniamo e guidiamo giovani innovatori ad avviare business di successo.

Scopri di più

Indice dei contenuti

I nostri programmi

Fellowship

Un esclusivo programma di dieci mesi completamente sponsorizzato, progettato per aiutarti a lanciare un' azienda di impatto. Impara a costruire un' azienda.

Per saperne di più

Academy

Un programma online di 8 settimane che ti insegna come costruire un' azienda con un impatto a lungo termine sull' ambiente e la società.

Per saperne di più

Platform

Impara a ideare, a costruire un prototipo, a testare, e lanciare un' azienda di impatto con oltre 17 corsi per aiutarti a iniziare.

Per saperne di più

Iscriviti alla nostra newsletter

Non perdere futuri contentuti ed iscriviti alla nostra newsletter!

Seguici

About EWOR

EWOR is a school conceived by Europe’s top professors, entrepreneurs, and industry leaders. We educate and mentor young innovators to launch successful businesses.

Learn More

Our Programs

Fellowship

An exclusive 10-month, fully-sponsored, program designed for aspiring entrepreneurs who want to make the world a better place.

Learn More

Academy

An exclusive 10-month, fully-sponsored, program designed for aspiring entrepreneurs who want to make the world a better place.

Learn More

Platform

Learn how to conceive, prototype, test, and launch an impactful venture with over 17 courses to help you start off.

Learn More

Newsletter

Don’t miss out on future content and subscribe to our newsletter!

Recommended

Statuti societari: Una guida per principianti al diritto societario

Avviare una propria azienda è un’esperienza entusiasmante, vero? Ancora di più se si sta per...

 Come diventare un creatore di contenuti di successo

State cercando di iniziare il vostro percorso come creatori di contenuti, oppure avete già iniziato...

Come definire una metrica della stella polare di una start-up importante

Nella fase iniziale della costruzione di una startup, ci sono sempre troppe cose da fare...

I quattro pilastri per costruire modelli di business migliori

Vi siete mai chiesti come potete far crescere le vostre idee in un’azienda di successo?...

Dentro la mente di un giovane imprenditore

Il team di EWOR ha avuto il piacere di intervistare Alexander Valtingojer, per parlare del...

Come scegliere il miglior percorso di raccolta fondi per la vostra azienda

Sei un founder che vuole far crescere la propria attività, ma non sai quale opzione...

Follow Us

Want to start and grow your own business?

Learn how to conceive, prototype, test, and launch an impactful venture with over 17 courses.

Get access to over 300 resources including pitch-decks, investor term sheets, and contracts.

Rate this article

daniel

Daniel Dippold

Michael